QUALI INDAGINI DIAGNOSTICHE EFFETTUARE NEL SOSPETTO DI UNA LITIASI DELLA COLECISTI

LA TERAPIA DELLA CALCOLOSI COLESTEROLICA
18 Ottobre 2017
LA STORIA NATURALE DELLA COLELITIASI
20 Ottobre 2017

1) Un’ecografia della colecisti atta ad accertare la presenza di calcoli, le loro dimensioni e a valutare il potere di contrazione delle colecisti (fig. 5)

Figura 5 – Ecografia della colecisti (sezione sagittale). Immagine di 3 calcoli Ø 1 cm nella colecisti

2) Una Tac della colecisti ad alta risoluzione senza mezzo di contrasto (fig. 6) per verificare la presenza o meno nel calcolo di calcificazioni e la loro entità e, con contrasto ad eliminazione biliare (fig. 7), per valutare la pervietà del dotto cistico.

Figura 6 – TAC della colecisti senza contrasto (sezione assiale): calcolo di colesterolo Ø 1,5 cm con orletto periferico calcifico

Figura 7 – TAC delle vie biliari con mezzo di contrasto ad eliminazione biliare (sezione coronale): immagine di 3 calcoli di colesterolo Ø 1 cm nella colecisti. Viene altresì dimostrata la pervietà del dotto cistico (Per gentile concessione del Prof. Gianfranco Gualdi)

3) In alternativa alla TAC, per valutare la pervietà del dotto cistico si potrà effettuare una Colangio Risonanza Magnetica (fig. 8). Con la somministrazione di un contrasto epatospecifico (fig. 9) sarà possibile acquisire un’informazione ancora più accurata per la valutazione della pervietà del cistico attraverso il quale, dopo la litotrissia, dovranno essere espulsi i frammenti residui per mezzo delle contrazioni della colecisti. La pervietà del dotto è indispensabile anche per l’ingresso nella colecisti degli acidi biliari i quali provvederanno allo scioglimento chimico dei microframmenti e degli aggregati di cristalli di colesterolo.

Figura 8 – Colangio NMR delle vie biliari senza contrasto (sezione coronale): Dimostrazione della pervietà del dotto cistico (Per gentile concessione del Prof. Gianfranco Gualdi)

Figura 9 – Colangio NMR delle vie biliari con mezzo di contrato epatospecifico /sezione coronale): l’opacizzazione della colecisti dimostra inequivocabilmente la pervietà del dotto cistico (Per gentile concessione del Prof. Gianfranco Gualdi)