tac

Domanda:

Ho 56 anni. Oltre 30 anni fa mi operai di un calcolo ureterale sinistro che stava provocando un’idronefrosi. Da allora ho sempre controllato periodicamente con delle ecografie la possibile formazione di altri calcoli. Si sono ripresentati di grandezza non oltre i 7 mm ma in sede renale e senza comunque particolari conseguenze. L’urologo ha solo consigliato di tenerli sotto controllo. Circa 1 mese fa ho avuto un episodio più acuto che mi ha portato anche febbre fino a 38° per un paio di giorni. Un’ecografia ha individuato un’idroureteronefrosi sinistra di IV grado con uretere visualizzabile fino al tratto pelvico ove si apprezzava una formazione litiasica di 13 mm. Prenoto una visita urologica dove viene programmato, in attesa di un intervento di rimozione endoscopica, un tentativo di ESWL. Prima della litotrissia l’urologo mi dice che al puntamento radiografico non si apprezzano chiare formazioni litiasiche e mi programma una TAC addome senza mdc. La TAC confermava: “Rene sinistro aumentato di dimensioni con noto quadro di idroureteronefrosi di IV grado sostenuta da un calcolo di 13x7 mm (densità media di 1300 UH) indovato nell’uretere all’altezza di un piano passante per il carrefour aortico e il disco intersomatico L5-S1. A parte la stranezza di non averlo visto con il puntatore del litotritore (macchina non adeguata?) sulla base della vostra esperienza è trattabile con ESWL? Dalla letteratura medica che ho letto la densità e la posizione riducono le probabilità di successo. Inoltre è proprio così invisibile con il puntatore del litotritore?

Risposta:

Capisco le sue perplessità. Il suo calcolo dovrebbe avere delle componenti radiotrasparenti importanti per cui è visibile alla TAC ma non ad una radiografia dell’addome che utilizza gli stessi raggi X di cui sono dotati i litotritori a puntamento radiologico. Per questo motivo, nel suo caso, è inutile tentare una litotrissia radiologica. L’unica possibilità che lei ha per risolvere il problema con una tecnica non invasiva è quella di sottoporsi ad una litotrissia extracorporea a puntamento ecografico che è in grado di vedere anche i calcoli radiotrasparenti. Per sapere quindi se questa tecnica da noi praticata può essere utilizzata, dovrei farle personalmente un’ecografia ed una prova di puntamento ecografico con la nostra apparecchiatura.

Risposta:

Con la nostra tecnica non abbiamo, fino ad ora, mai avuto problemi a trattare un calcolo di queste dimensioni in modo assolutamente non invasivo e senza anestesia. Ritengo solo sia necessaria più di una seduta di litotrissia e l’apposizione di uno stent ureterale prima dell’inizio degli interventi, stent che verrà rimosso quando avrà eliminato tutti i frammenti residui.

Risposta:

Con la nostra tecnica non abbiamo, fino ad ora, mai avuto problemi a trattare un calcolo di queste dimensioni in modo assolutamente non invasivo e senza anestesia. Ritengo solo sia necessaria più di una seduta di litotrissia e l’apposizione di uno stent ureterale prima dell’inizio degli interventi, stent che verrà rimosso quando avrà eliminato tutti i frammenti residui.

Risposta:

Si, dovrà controllare la posizione del suo calcolo ecograficamente e verificare se è ancora in corrispondenza dell’uretere post giuntale. Se è così, non vedo alcun problema ad effettuare un trattamento non invasivo con la litotrissia extracorporea a puntamento ecografico in tempo reale senza alcun tipo di anestesia